Via Crociferi e il Monastero delle Benedettine

Via Crociferi e il Monastero delle Benedettine

Via Crociferi è una delle più importanti strade di Catania per il suo alto valore artistico, dovuto alla presenza di ben quattro chiese realizzate dopo il terremoto che nel 1693 distrusse il val di Noto ed edificate, quindi, in quello stile barocco che ha valso al centro storico di Catania il riconoscimento di patrimonio UNESCO. Già durante l’edificazione romana di Catania, via Crociferi aveva goduto della particolarità dell’essere attraversata interamente da templi – per questo era denominata via Sacra dai Romani – e, successivamente, ai templi pagani lentamente si vennero sostituendo le chiese cristiane.

Il nome della strada proviene, con probabilità, dalla presenza, al termine della via, della chiesa di San Camillo, appartenente all’ordine dei Padri Crociferi; a questa struttura, si aggiungono la chiesa di San Giuliano, la chiesa di S. Francesco Borgia ed il Collegio dei Gesuiti ed il monastero delle Benedettine con la Chiesa di San Benedetto.

Il monastero delle Benedettine è composto dalla badia grande – comprendente la chiesa di San Benedetto – e la badia piccola, unite dall’arco, eretto nel 1704, che è anche uno dei simboli della città, nonché simbolica porta d’accesso alla strada. Ancora oggi il monastero è un luogo di altissimo valore spirituale, grazie alla presenza di una nutrita comunità monastica femminile dell’ordine benedettino, ma è anche un luogo di cultura. La chiesa di San Benedetto, infatti, è parte integrante di un percorso di visita, il Sito Storico Monastero San Benedetto, che unisce la storia urbanistica della città con quella storico – artistica.

La visita guidata, infatti, partendo dai resti della città romana rinvenuti all’interno del monastero, arriva alla chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Giovanni Tuccari fra il 1726 ed il 1729, passando per il parlatorio settecentesco – già ispirazione verghiana e set di Franco Zeffirelli per Storia di una Capinera – e la scalinata degli Angeli. Quest’ultima è l’entrata monumentale della chiesa, altrimenti visibile solamente durante i sepolcri della settimana santa.

ARCO_SITOSTORICOSANBENEDETTO

Nella badia piccola del monastero, dal 2013 ha sede invece il MacS – Museo Arte Contemporanea Sicilia – che ospita mostre di artisti italiani ed internazionali emergenti nel panorama artistico contemporaneo.

Sito Storico Monastero San Benedetto

Orari di apertura:

1 Ottobre – 31 Marzo h. 09.00 – 18.00;

1 Aprile – 30 Settembre h. 10.00 – 19.00.

Chiuso: giovedi.

Info e contatti: www.benedettineviacrociferi.itinfo@benedettineviacrociferi.it – tel: 0957152207

Skills

Posted on

21 gennaio 2015